Depressione



I disturbi depressivi costituiscono un gruppo eterogeneo di patologie caratterizzate da una complessa interazione tra fattori genetici e ambientali.
Le alterazioni dell'orologio biologico endogeno responsabile dell'organizzazione dei nostri ritmi circadiani e, in particolare, delle alterazioni del ritmo sonno / veglia e della produzione di melatonina, costituiscono la base per nuovi tipi di trattamento delle patologie depressive.

Lo studio della funzione della ghiandola pineale e dei ritmi circadiani in varie patologie psichiatriche è stato frequentemente approfondito negli ultimi due decenni.
Dopo aver verificato un cambiamento nelle concentrazioni plasmatiche di melatonina nelle persone con disturbi affettivi stagionali, è emerso che nella patogenesi di numerosi disturbi psichiatrici è implicata la disfunzione della ghiandola pineale.
Pertanto, sono stati descritti aumenti dei livelli di melatonina nei disturbi alimentari, come bulimia e anoressia.
Al contrario, è stata osservata una diminuzione di questo ormone in pazienti che soffrono di attacchi di panico, disturbi ossessivi compulsivi e schizofrenici e la misurazione delle concentrazioni plasmatiche di melatonina è stata proposta come marker di queste alterazioni.

Tra queste patologie, la depressione maggiore è particolarmente rilevante a causa dell'ampia fascia di popolazione che colpisce. È molto frequente che questi pazienti presentino alterazioni dell'appetito, dell'umore e del sonno, per questo motivo cresce l'interesse per lo studio del rapporto tra depressione e disfunzione della produzione di melatonina.

In questo senso, ci sono già dati in letteratura che descrivono una diminuzione dei livelli di melatonina nei pazienti depressi e, cosa probabilmente più importante, la comparsa di picchi o improvvisi aumenti a breve termine della melatonina plasmatica durante il giorno. Si osserva anche un ritardo nell'aspetto del picco notturno della melatonina, che può essere in anticipo o in ritardo.

Di particolare rilevanza è anche la situazione clinica chiamata disturbo affettivo stagionale (SAD), detta anche depressione stagionale, e inizialmente descritta da Norman E Rosenthal nel 1984.
Questo disturbo, oggi è considerato non solo una sindrome in sé, ma anche un fattore determinante di depressione maggiore (DSMD-IV).
Questi sono sbalzi d'umore gravi che si innescano in inverno, quando ci sono meno ore di luce solare, e migliorano in primavera / estate.
Tristezza, pessimismo, senso di colpa, perdita di interesse, insonnia, alterazioni del ritmo dell'attività / riposo e sonno / veglia sono, tra gli altri, manifestazioni tipiche che portano a una grave riduzione delle attività e delle abilità lavorative.
Questa sindrome è associata ad un'alterazione dell'orologio biologico, che si riflette generalmente in un ritardo nella fase di produzione della melatonina.

Le cause di cambiamenti nei livelli di melatonina nel plasma in pazienti con depressione maggiore sono sconosciute.
Potrebbero essere dovuti a alterazioni del metabolismo della serotonina e / o alterazioni che colpiscono i recettori della noradrenalina. Attualmente, si pensa anche che la causa possa essere un'alterazione primaria nel funzionamento dell'orologio biologico, che a sua volta si riflette nell'alterazione del ritmo di espressione dei geni che lo controllano.

Considerando che la melatonina è prodotta dalla serotonina, sembra logico che un deficit di serotonina si traduca in una diminuzione della produzione di melatonina.
Questa ipotesi sarebbe valida anche per quelle patologie in cui vi è una diminuzione della serotonina, come disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo di panico e alcolismo, in cui sono stati riscontrati anche cambiamenti nelle concentrazioni plasmatiche di melatonina. Per quanto riguarda la noradrenalina, la diminuzione del suo rilascio ai terminali noradrenergici porta a una minore stimolazione dei recettori α1 e β1 del pinealocyte e, di conseguenza, a una minore produzione di melatonina.

 

Uso Terapeutico Della Melatonina Nella Psichiatria

I disturbi del ritmo del sonno e della veglia sono una delle principali cause della fisiopatologia dei disturbi depressivi.
Di conseguenza, un farmaco in grado di regolare il ritmo sonno / veglia e contrastare i sintomi depressivi sarebbe l'antidepressivo ideale.
Per questo motivo, numerose ricerche indicano che la melatonina può essere efficace nel trattamento dei pazienti con depressione, un fatto che è rafforzato dalla diminuzione delle concentrazioni di melatonina in queste persone.

Sebbene alcuni disturbi, come SAD, possano essere trattati con fototerapia, quasi la metà delle persone con SAD non risponde alla terapia della luce.
Gli antidepressivi e la psicoterapia possono ridurre i sintomi della SAD, da soli o in combinazione con la fototerapia.
L'alternativa è l'uso della melatonina, che, somministrata in determinate ore del giorno, correggerà il ritardo di fase dell'orologio biologico presente in questi pazienti, normalizzandoli.

Recentemente, un nuovo farmaco antidepressivo, derivato dalla melatonina, è stato immesso sul mercato con un'ottima efficacia antidepressiva.
Questo farmaco, l'agomelatina, combina la sua attività antidepressiva con quella della regolazione del sonno.
Può anche essere combinato con la melatonina per promuovere in modo più efficiente il controllo dei ritmi circadiani.

Infine, l'uso della melatonina può migliorare gli stati depressivi e ansiolitici con altri meccanismi aggiuntivi.
Da un lato, la melatonina ha alcuni effetti ansiolitici, come altri farmaci (benzodiazepine), sebbene manchi gli effetti collaterali di questi. Aumenta la neurotrasmissione GABAergica e regola il ritmo circadiano dei recettori GABAA a livello corticale.
D'altra parte, la melatonina stimola la neurogenesi adulta, un effetto che è stato prodotto anche dall'agomelatina e, questi effetti a livello dell'ippocampo, sono correlati alle sue azioni ansiolitiche e antidepressive.

BIBLIOGRAFIA

1.     Acuña Castroviejo D, Rosenstein RE, Romeo HE, Cardinali DP. Cambiamenti nel legame ad alta affinità con acido gamma-aminobutirrico alle membrane della corteccia cerebrale dopo pinealectomia o somministrazione di melatonina nei ratti. Neuroendocrinology 1986; 43: 24-31. PMID: 3713987.

2.     Acuña-Castroviejo D, Lowenstein PR, Rosenstein R, Cardinali DP. Variazioni diurne del legame benzodiazepinico nella corteccia cerebrale di ratto: interruzione da pinealectomia. J Pineal Res 1986; 3: 101-109.

3.     Rosenthal NE, Sacco DA, Gillin JC, Lewy AJ, Goodwin FK, Davenport Y, Mueller PS, Newsome DA, Wehr TA. Disturbo affettivo stagionale Una descrizione della sindrome e risultati preliminari con la terapia della luce. Arch Gen Psychiatry 1984; 41: 72-80. PMID: 6581756.

4.     Acuña-Castroviejo D, Khaldy H, Bikjdaouene L, León J, Martín M, Escames G. Melatonina, ritmi circadiani e psichiatria. Depresso. Stato reale; Pallardó F, editore. Valencia: Graphic Arts, 2002, pp. 21-52.

5.     Srinivasan V, Pandi-Perumal SR, Trakht I, Spence DW, Hardeland R, Poeggeler B, Cardinali DP. Fisiopatologia della depressione: ruolo del sonno e del sistema melatonergico. Psychiatry Res 2009; 165: 201-214. PMID: 19181389.

6.     Srinivasan V, Brzezinski A, Pandi-Perumal SR, Spence DW, Cardinali DP, Brown GM. Agonisti della melatonina nell'insonnia primaria e nell'insonnia associata alla depressione: sono superiori agli ipnotici sedativi? Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry 2011; 35: 913-23. PMID: 21453740.

7.     Srinivasan V, Zakaria R, Othaman Z, Lauterbach EC, Acuñna-Castrioviejo D, Cardinali DP. Agomelatina nei disturbi depressivi, il suo nuovo meccanismo d'azione. J Neuropsychiatry Clin Neurosci 2012; 24: 290-308. PMID: 23037643.

8.     Cardinali DP, Srinivasan V, Brzezinski A, Brown GM. Melatonina e suoi analoghi nell'insonnia e nella depressione. J Pineal Res 2012; 52: 365-75. PMID: 21951153.

 



Share |


Melatonina.it l'unico portale interamente dedicato alla melatonina in italia
Versione multilingue del sito Key Melatonin

Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici


Clavis Chitosano Vegetale
Integratore alimentare a base di CHITOSANO VEGETALE ( KiOnutrime-Cs ).
Chitosano Vegetale

Clavis Harmoniae
Clavis Harmoniae

Key Alghe
Linea di integratori alimentari a base di alghe
Key Alghe