La melatonina è una panacea terapeutica?



Quando vai a una visita medica e come paziente chiedi al tuo medico la possibilità di prescrivere melatonina, la risposta è quasi sempre la stessa: "aiuta solo ad addormentarsi, anche se non farà male".

In effetti, la funzione più nota di questo neuroormone risiede nella sua capacità di regolare il ciclo sonno / veglia.

La melatonina fu isolata nel 1958 dal team del professor Aaron B. Lerner, dell'Università di Yale (USA), dalla ghiandola pineale dei bovini.

Questa ghiandola è un organo endocrino che ha generato grandi controversie e speculazioni nel corso della storia.

Era considerato un "terzo occhio" o "organo mistico" dalle tradizioni indù e persino la sede anatomica dell'anima umana, come postulava il filosofo René Descartes.

Sebbene, inizialmente, lo studio della melatonina fosse limitato a questa ghiandola, presto si cominciò a intuire che la posizione dell'umile ormone non si limitava all' enigmatico pineale, ma soprattutto che la sua azione non era limitata al solo controllo del ciclo del sonno.

Infatti, negli ultimi 50 anni, numerosi studi condotti da diversi gruppi di ricerca ne hanno rivelato l’ubiquità , essendo presenti nelle ovaie, nel timo, nella retina, nel midollo osseo, nei linfociti, nel tratto gastrointestinale e nella pelle.

Questo già denota le eccezionali funzioni fisiologiche dell “ormone dei nostri sogni", efficace contro diverse patologie.

Un leggero approccio alla letteratura scientifica ci offre, in questo senso, un gran numero di linee di ricerca con risultati molto promettenti riguardo alla sua funzione biologica.

Come nel caso dell'eccezionale ruolo che la melatonina svolge contro diversi tipi di cancro, disturbi gastrointestinali, cardiovascolari, processi neurodegenerativi, umore, patologie autoimmuni o malattie infettive, tra molti altri.

Ma come può la melatonina essere efficace contro patologie così diverse?

La risposta sta nella sua pleiotropia, cioè nella sua capacità di regolare molteplici processi biochimici e, quindi, di mediare in numerose condizioni patofisiologiche.

Quindi, oltre a influenzare il sonno, ha una potente azione antiossidante, che risale alla comparsa dell'ormone all'alba dell'evoluzione, 2,4 eoni fa, quando l'ossigeno di origine biologica (fotosintetica) iniziò la conquista del pianeta.

È anche in grado di ridurre al minimo la crescita delle cellule tumorali (funzione a basso costo) o attivare risposte antinfiammatorie e antiipertensive, tra le molte altre capacità.

Non dovremmo dimenticare che, con l'età, la sua produzione endogena diminuisce, privandoci delle sue azioni protettive e rendendoci più vulnerabili alla malattia. Pertanto, è consigliabile integrare melatonina esogena dai 35-40 anni.

Sfortunatamente, nel nostro paese viene erogato solo in farmacia alla dose massima di 2 mg.

Questa quantità è indicata per regolare il ciclo sonno/veglia, ma è insufficiente per gli effetti antiossidanti, on-costosi e anti-infiammatori che lo rendono un potente alleato contro alcune delle diagnosi che destano maggiore preoccupazione medica ai nostri giorni.

Combatte l'ictus
L’ictus è na delle principali cause di morte e disabilità in tutto il mondo.

Nonostante i notevoli progressi compiuti nella comprensione della sua fisiopatologia, è necessario continuare a lavorare per trovare trattamenti efficaci.

In questo senso, il nostro gruppo di ricerca ha recentemente rivelato la capacità della melatonina, sia nei test in vitro che nei modelli animali, di modulare eventi importanti che fanno parte della cascata patofisiologica di questo disturbo, e quindi di ridurre il processo di ischemia cerebrale.

Completa altri farmaci
In diversi forum scientifici, quando si inizia a elencare tutte le azioni protettive che la melatonina può svolgere, è comune ascoltare in eco la frase "la melatonina funziona per tutto".

Tuttavia, la difesa scientifica della sua prescrizione controllata non viene proposta come "sostituto" della farmacopea ma come "complemento".

Pertanto, in co-somministrazione con agenti chemioterapici, il paziente non trarrebbe beneficio solo dall'effetto antitumorale della melatonina, ma alla dose appropriata, questa molecola è in grado di ridurre gli effetti indesiderati di questi agenti.

In questo frangente, recentemente il nostro gruppo di ricerca ha anche rivelato gli effetti benefici della melatonina contro il cancro del colon-retto e del cavo orale, come complemento delle terapie convenzionali.

Potrebbe anche funzionare contro COVID-19
Attualmente stiamo vivendo una crisi sanitaria globale che sta mettendo a repentaglio l'intera comunità scientifica alla ricerca di un trattamento efficace contro l'infezione da COVID-19.

In questo scenario complesso, anche la melatonina potrebbe svolgere un ruolo, dal momento che il suo uso come trattamento coadiuvante contro i sintomi generati da questo coronavirus è stato recentemente riportato come positivo. Tuttavia, è necessaria la progettazione di studi clinici controllati in grado di confermare questa ipotesi.

Infine, va notato che la melatonina è una sostanza economica con un profilo di tollerabilità molto favorevole, anche a dosi elevate. Tuttavia, poiché si tratta di un prodotto naturale, non brevettabile, manca di interesse commerciale per la grande industria farmaceutica, quindi è urgentemente necessario divulgare tra i nostri operatori sanitari le "altre azioni della melatonina".

Quindi, forse in brevissimo tempo inizierai a sentire che la melatonina non è utile solo per dormire.

Anche se, per il momento, questo è solo un sogno.

Fuente: https://theconversation.com/es-la-melatonina-una-panacea-terapeutica-135459



Share |


Melatonina.it l'unico portale interamente dedicato alla melatonina in italia
Versione multilingue del sito Key Melatonin

Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici


Clavis Chitosano Vegetale
Integratore alimentare a base di CHITOSANO VEGETALE ( KiOnutrime-Cs ).
Chitosano Vegetale

Clavis Harmoniae
Clavis Harmoniae

Key Alghe
Linea di integratori alimentari a base di alghe
Key Alghe