L'invecchiamento



TRADUZIONE CURA DEL NOSTRO REFERENTE SPAGNOLO DEGLI APPROFONDIMENTI PRESENTI NEL SITO Instituto Internacional de la Melatonina https://institutodemelatonina.com

Nel nostro gruppo lavoriamo con la melatonina applicata all'invecchiamento in buona salute da oltre 20 anni.
Nel corso di questi anni abbiamo scoperto che sia la melatonina di origine pineale, come quella prodotta negli altri organi e tessuti del nostro corpo, diminuiscono con l'età, e questa diminuzione è direttamente correlata ai cambiamenti che si verificano mentre trascorrono gli anni.
In effetti, la melatonina di origine pineale, la cui produzione circadiana ha un picco notturno o acrofase intorno alle 2-3 del mattino, inizia a diminuire da 35 a 40 anni.

Questo calo diventa sempre più significativo e dall'età di 55 anni produciamo già il 40% in meno di melatonina.
Questo picco notturno di melatonina è il segnale che sincronizza l'organismo, di conseguenza, quando il picco diminuisce, arriva un momento in cui l'organismo non è in grado di rilevarlo.
Una delle prime manifestazioni della mancanza di melatonina è l'alterazione dei ritmi circadiani, come sonno/veglia e attività / riposo.
Inoltre, poiché la melatonina sincronizza i ritmi dei neurotrasmettitori cerebrali, la sua diminuzione influisce anche sulle capacità cognitive, che sono influenzate dall'età. Possiamo quindi parlare di un invecchiamento del sistema circadiano derivato dalla carenza di melatonina, che influenza il nostro orologio biologico in modo sempre più importante.
È qui che l'uso della melatonina per ripristinare i suoi livelli fisiologici ha un'enorme utilità nel prevenire disfunzioni circadiane dell'età.

Inoltre, la melatonina viene prodotta anche nella maggior parte dei nostri organi e tessuti; Si chiama melatonina extrapineale.
La sua produzione differisce dalla pineale per tre aspetti principali:

1) Non viene prodotta seguendo un ritmo circadiano.

2) È prodotta in quantità molto maggiori di quella pineale

3) Ha funzioni di protezione cellulare, derivate dai suoi importanti effetti antiossidanti e antinfiammatori.


La melatonina extrapineale diminuisce anche con l'età, il che facilita la comparsa di segni di stress ossidativo e nitrosativo che diventeranno più acuti quanto maggiore sia il deficit di questo ormone, cioè, diventerà più acuto con il passare degli anni.


Siamo stati anche in grado di verificare che la somministrazione cronica di melatonina, come terapia sostitutiva per prevenirne la diminuzione con l'età, previene la maggior parte delle manifestazioni dell'invecchiamento, a causa della riduzione dei radicali liberi e dei conseguenti danni ossidativi e infiammatori dati dall’avanzamento dell'età.
La melatonina è efficace contro l'effetto deleterio dell'invecchiamento, a tal punto che è in grado di aumentare di oltre il 35% la sopravvivenza e la longevità degli animali da esperimento.
Questi risultati sono di eccezionale importanza perché sono totalmente paragonabili ad altri interventi eseguiti per ritardare l'invecchiamento, come la restrizione calorica e, recentemente, la modificazione genetica.
Pertanto, senza questi interventi che possono avere potenziali rischi, la melatonina ora passa alla categoria di trattamenti anti-invecchiamento privi di rischi, in quanto è un ormone naturale nel nostro corpo, che ripristiniamo semplicemente quando manca con l'età.

 

A complemento degli effetti benefici della melatonina sull'invecchiamento, stiamo attualmente analizzando le proprietà di questo ormone nella neurogenesi, un campo molto promettente per esso, dove abbiamo già i primi risultati significativi che parlano del suo ruolo nella formazione di nuovi neuroni nel cervello dell'adulto.
Dal momento che la melatonina diminuisce con l'età, anche il suo effetto sulla neurogenesi va scomparendo, si ha così un ulteriore motivo per ripristinare i livelli di melatonina persi ogni anno.

 

Per spiegare questi effetti benefici della melatonina contro l'invecchiamento, abbiamo condotto studi approfonditi su un esemplare di topo con invecchiamento accelerato.
Qui abbiamo dimostrato che la melatonina contrasta molti dei processi che compaiono durante l'invecchiamento, come l'aumento della produzione di radicali liberi, ossido nitrico e sostanze infiammatorie, come le citochine.
Queste manifestazioni compaiono a 5 mesi di età in questi animali e sono molto significative a 10 mesi, equivalenti a un'età di 60-70 anni nell'uomo.
Se i topi assumono la melatonina cronicamente dal primo mese di vita, non si verificano danni ai diversi organi e tessuti che si verificano con l'invecchiamento.
Principalmente, l'effetto della melatonina si verifica a livello dei mitocondri, l'organello cellulare responsabile della produzione di energia per la cellula e la cui disfunzione con l'età è la causa della morte cellulare e delle patologie associate.
Il mitocondrio diventa quindi il principale bersaglio intracellulare della melatonina, il che spiega i suoi importanti effetti descritti di seguito.

L’invecchiamento oltre a favorire lo sviluppo di radicali liberi, è anche un processo infiammatorio cronico.
I topi SAMP8, con senescenza accelerata, mostrano un aumento significativo dei marker di infiammazione, come ossido nitrico, iNOS, citochine proinfiammatorie, ecc.
La somministrazione cronica di melatonina previene totalmente la comparsa di questi marker di infiammazione, ovvero mantiene l'organismo in uno stato di riposo infiammatorio che, insieme al riposo ossidativo, previene i danni durante l'invecchiamento.

Di conseguenza, non solo la sopravvivenza e la longevità aumentano significativamente in questi topi, come abbiamo visto, ma migliorano le loro capacità fisiche e cognitive. Pertanto, la melatonina non solo prolunga la vita, che non è il fatto più rilevante dal nostro punto di vista, ma previene anche il danno cellulare migliorando la qualità della vita durante l'invecchiamento ed è questo il punto centrale. 

 

Per valutare il meccanismo d'azione della melatonina contro l'infiammazione, abbiamo indotto uno stato infiammatorio acuto in vari modelli animali.
I risultati, che dimostrano un potente effetto antinfiammatorio della melatonina riducendo tutti i percorsi della risposta immunitaria innata, sono descritti nell'articolo "Melatonina e sepsi".

Insieme allo stress ossidativo e al processo infiammatorio, l'invecchiamento è accompagnato da una perdita neuronale causata dai due processi precedenti.
Pertanto, l'importante è che le cellule staminali cerebrali adulte diventino neuroni.
Per valutare il ruolo della melatonina nel recupero della funzione neuronale e / o nell'indurre la neurogenesi, abbiamo studiato i meccanismi della proliferazione e differenziazione neurale dell'adulto.

Abbiamo scoperto che la melatonina induce la neurogenesi nel cervello adulto, che è di straordinaria importanza, e supporta gli eccellenti risultati dell'uso della melatonina negli anziani per recuperare/prevenire i disturbi cognitivi.
Questi effetti, per il loro eccezionale interesse, sono presentati nel tema della "melatonina e neurogenesi".

 

In breve, oggi sappiamo che il deficit di melatonina che appare con l'età è una delle cause dell'invecchiamento stesso, che si manifesta nei segni clinici di stress ossidativo, nitrosativo e infiammatorio, causando un danno lento e irreversibile ai mitocondri cellulari. Sulla base di questi risultati, la somministrazione di melatonina da 40 anni è una procedura di scelta per fermare il deterioramento che si verifica con l'invecchiamento e anche alcune patologie degenerative associate all'età.






 

 

RIFERIMENTI

 

1) Rodríguez MI, Carretero M, Escames G, López LC, Maldonado MD, Tan DX, Reiter RJ, Acuña-Castroviejo D. Il trattamento con melatonina cronica previene la disfunzione mitocondriale cardiaca dipendente dall'età nei topi con senescenza. Free Rad Res 2007; 41: 15-24. PMDI: 17164175.

2) Rodríguez MI, Escames G, López LC, López A, García JA, Ortiz F, Sánchez V, Romeu M, Acuña-Castroviejo D. Miglioramento della funzione mitocondriale e aumento della durata della vita dopo il trattamento cronico della melatonina nei topi senescenti. Exptl Gerontol 2008; 43: 749-756. PMDI: 18485648.

3) Carretero M, Escames G, López LC, Venegas C, Dayoub JC, García L, Acuña-Castroviejo D. La somministrazione a lungo termine di melatonina protegge i mitocondri cerebrali dall'invecchiamento. J Pineal Res 2009; 47: 192-200. PMDI: 19573039.

4) Acuña-Castroviejo D, Escames G, López LC, Ortiz F, López A, García JA. Prova dell'utilità della melatonina contro l'invecchiamento e i processi neurodegenerativi. Psychogeriatrics 2009; 1: 1-19.

5) Bilancia G, Acuña-Castroviejo D. Melatonina, analoghi sintetici e ritmo sonno / veglia. Rev Neurol 2009; 48: 245-254. PMDI: 19263393.

6) Acuña-Castroviejo D, López LC, Escames G, López A, García JA, Reiter RJ. Interazione melatonina-mitocondri in salute e malattia. Curr Top Med Chem 2011; 1: 221-240. PMDI: 20939818.

7) Acuña-Castroviejo D, Carretero M, Doerrier C, López LC, García Corzo L, Tresguerres JA, EscamesG. La melatonina protegge i mitocondri polmonari dall'invecchiamento. Età 2011; DOI 10.1007 / s11357-011-9267-8. PMDI: 21614449.



 



Share |


Melatonina.it l'unico portale interamente dedicato alla melatonina in italia
Versione multilingue del sito Key Melatonin

Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici


Clavis Chitosano Vegetale
Integratore alimentare a base di CHITOSANO VEGETALE ( KiOnutrime-Cs ).
Chitosano Vegetale

Clavis Harmoniae
Clavis Harmoniae

Key Alghe
Linea di integratori alimentari a base di alghe
Key Alghe