Il ritmo sonno / veglia



TRADUZIONE CURA DEL NOSTRO REFERENTE SPAGNOLO DEGLI APPROFONDIMENTI PRESENTI NEL SITO Instituto Internacional de la Melatonina https://institutodemelatonina.com/

Il Ritmo Sonno/Veglia

Affinché il corpo sia sano, le sue funzioni devono variare ritmicamente e in relazione l'una con l'altra. L'omeostasi, che consente il normale funzionamento dell'organismo, si riferisce ad un controllo rigoroso delle variazioni ritmiche che l'ambiente interno presenta.

La maggior parte di questi ritmi dura un giorno e sono chiamati circadiani, sebbene ci siano anche altri ritmi di periodi più corti o ultradiani e più lunghi o infradici.
I ritmi ormonali circadiani, neurotrasmettitori, cardiaci, respiratori, neuronali, sonno / veglia, ecc. sono presenti nella nostra fisiologia, ciascuno con una diversa attività massima o acrofase.
La normalità si basa sul fatto che queste variabili sempre stiano fluttuanti, per cui è necessario un meccanismo endogeno che sincronizza tutti questi ritmi.

I nuclei soprachiasmatici (NSC) dell'ipotalamo costituiscono il centro del sistema circadiano nel cervello dei mammiferi. Attraverso i loro segnali possono sincronizzare i ritmi di varie funzioni fisiologiche e comportamentali dell'organismo.
Dal punto di vista molecolare, i ritmi circadiani sono determinati da un'espressione di geni specifici che costituiscono l'oscillatore circadiano.
Pertanto, le mutazioni dei geni per, clock, bmal1 e cry1 danno origine ad alterazioni della durata del ritmo, del tempo di insorgenza del sonno, della frammentazione del sonno e delle risposte atipiche dopo la privazione del sonno, rispettivamente. Quando altri geni vengono alterati, come npas2, dbp e prok2, vengono colpiti elementi dell'omeostasi del sonno, come il consolidamento del sonno e l'attività elettroencefalografica, tra gli altri.

Vari tipi di insonnia, in particolare quelli relativi ad alterazioni del ritmo primario o secondari ad altri stati come jet-lag, invecchiamento, patologie cerebrali e lavoro a turni, dipendono da una deregolamentazione dell'orologio biologico, inducendo alterazioni di fase che desincronizzazione interna e si manifestano, tra gli altri sintomi, con un ritmo sonno/veglia anormale. Queste alterazioni rispondono bene al trattamento con melatonina.

MELATONINA E RITMO SONNO / VEGLIA 

La Melatonina, una delle molecole regolatrici filogeneticamente più primitive, rappresenta un sistema universale di sincronizzazione endogena per il resto dei ritmi endocrini e non endocrini, come il ritmo sonno/veglia o il ormonale. 

Ontogenicamente, la melatonina non viene prodotta ritmicamente fino a 6 mesi di vita extrauterina, quando il sistema fotoneuroendocrino del bambino matura.
Il feto non produce melatonina, ma la riceve dalla madre attraverso la placenta, contribuendo alle sue funzioni cronobiologiche durante la gravidanza.
Pertanto, i bambini prematuri hanno cambiamenti più frequenti in determinati ritmi, come quello sonno/veglia.

La produzione e la secrezione di Melatonina viene mantenuta fino alla pubertà, quando diminuisce in modo significativo, per stabilizzarsi ancora fino 35-40 anni.
Da qui, la produzione di melatonina diminuisce e per 55-65 anni l'ampiezza del picco notturno della melatonina è abbastanza piccola da non essere ben rilevata dalle cellule, il che determina la perdita della sua capacità cronobiotica.

In che modo la melatonina regola il sonno?

L'aumento della melatonina durante la notte produce una marcata riduzione della funzione neurocomportamentale.
Per questo motivo, normalmente, prima di coricarsi c'è un aumento della sonnolenza, che si correla con l'attività elettrofisiologica che riflette la cosiddetta "apertura della porta del sonno".
L'aumento dei livelli di melatonina che si verifica in questi stadi è anche correlato con una diminuzione della produzione di calore e un aumento della sua perdita, condizionando la diminuzione della temperatura corporea tipica di questa fase.
Anche l'aumento della melatonina è il segnale che induce l'aumento del flusso sanguigno verso le regioni distali della pelle, con la conseguente perdita di calore.
Attualmente si ritiene che la sincronizzazione dei ritmi circadiani con la melatonina venga eseguita sulla base di cambiamenti ritmici nell'espressione di alcuni geni orologio (menzionati sopra).

Pertanto, dal punto di vista del suo uso terapeutico, la Melatonina è molto utile per ripristinare i disturbi del sonno.
Gli effetti della somministrazione di Melatonina dipendono dalla presenza o meno di un precedente disturbo del sonno.
Nel secondo caso, dopo la somministrazione di melatonina, si produce una consistente riduzione della latenza del sonno, una riduzione del numero e della durata dei periodi di allerta durante la notte e un miglioramento della qualità soggettiva del sonno.
In breve, la Melatonina endogena svolge un ruolo importante nella regolazione circadiana del sonno, mentre la Melatonina esogena influenza aspetti del sonno come la latenza e la qualità.
Un ulteriore vantaggio della somministrazione di melatonina esogena è che non inibisce la sua produzione endogena.

La capacità della melatonina di regolare nuovamente l'orologio biologico è stata inizialmente studiata in soggetti non vedenti, dimostrando che la sua somministrazione è stata in grado di produrre cambiamenti di fase in determinati momenti.
Come regola generale, la somministrazione di Melatonina alla fine della giornata induce l'avanzamento di fase, mentre la somministrazione alla fine della notte induce un ritardo di fase.

L'entità dell'avanzamento o del ritardo della fase prodotta dalla melatonina dipenderà dall'ora del mattino o del pomeriggio in cui viene somministrata.
Di conseguenza, dovremmo considerare la Melatonina NON come un ipnotico, ma come un cronobiotico, cioè una sostanza che funge da regolatore della fase dell'orologio circadiano e, più specificamente, del ritmo sonno/veglia, nonché un effettore della misura del tempo di detto ritmo.

Queste proprietà della melatonina hanno portato al consenso della British Psychopharmacology Association per l'uso della melatonina come prima misura contro l'insonnia di origine cronobiotica.

In sintesi, il ritmo circadiano della Melatonina è un componente fondamentale nel mantenimento del normale ciclo sonno/veglia.
Le alterazioni di questo, specialmente quando sono cronobiologiche, rispondono molto bene al trattamento con melatonina, purché venga prima analizzata l'ampiezza e il senso del ritardo del ritmo.

 

Riferimenti e Fonti

1) Cardinali DP, Furio AM, Reyes MP, Brusco LI. The use of chronobiotics in the resynchronization of the sleep-wake cycle. Cancer Causes Control 2006; 17:601-609. PMID: 16596316.

2) Escames G, Acuña-Castroviejo D. Melatonina, análogos sintéticos y el ritmo sueño/vigilia. Rev Neurol 2009; 48:245-254. PMDI: 19263393

3) Acuña-Castroviejo D, Escames G, León J. Regulación de los ritmos circadianos de los neurotransmisores por la melatonina. Implicaciones en salud y enfermedad. En: Cronobiología Básica y Clínica. Madrid JA, Sánchez-Vázquez FJ, Rol de Lama MA (eds.); Murcia:Editec@Red, S.L., 2006, p. 291-328.

4) Acuña-Castroviejo D, Escames G, León J, Khaldy H. Melatonina, ritmos biológicos y estrés oxidativo. En: Longevidad. Tratado integral sobre salud en la segunda mitad de la vida. Salvador-Carulla L, Cano Sánchez A, Cabo-Soler JR; Madrid:Panamericana, 2004, p. 216-224.

5) Wilson SJ, Nutt DJ, Alford C, Argyropoulos SV, Baldwin DS, Bateson AN, Britton TC, Crowe C, Dijk D-J, Espie CA, Gringras P, Hajak G, Idzikowski C, Krystal AK, Nash JR, Selsick H, Sharpley AL, Wade AG. British Association for Psychopharmacology consensus statement on evidence-based treatment of insomnia, parasomnias and circadian rhythm disorders Consensus. .J Psychopharmacol 2010; 24:1577-1600. PMID: 20813762.

 




Share |


Melatonina.it l'unico portale interamente dedicato alla melatonina in italia
Versione multilingue del sito Key Melatonin

Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici


Clavis Chitosano Vegetale
Integratore alimentare a base di CHITOSANO VEGETALE ( KiOnutrime-Cs ).
Chitosano Vegetale

Clavis Harmoniae
Clavis Harmoniae

Key Alghe
Linea di integratori alimentari a base di alghe
Key Alghe