La Melatonina nella Prevenzione Primaria del Diabete Mellito.



A cura di Sergio Stagnaro*

NatureNetwork.com, sotto il titolo Diabetes — genetically linked to the body's biological clock, riferisce i risultati di due studi, uno europeo e l’altro statunitense, che dimostrerebbero come la Melatonina provochi il diabete tipo 1 e 2 : Published online 5 December 2008 | Nature | doi:10.1038/news.2008.1282 News. Clock-gene variants linked to diabetes. Receptor for body-clock hormone connected to disease risk. Heidi Ledford, http://www.nature.com/news/2008/081205/full/news.2008.1282.html

Secondo quanto informa questa sorprendente notizia, il diabete tipo 2 sarebbe correlato con l’azione della melatonina assunta. Inoltre, diabetici tipo I avrebbero mostrato talvolta livelli ematici di melatonina superiori al normale, dopo assunzione di melatonina di sintesi, non meglio specificata, utilizzata contro il jet lag e come ipno-inducente, apparentemente le sole azioni conosciute dagli autori.

In realtà, i due studi, Europeo e Statunitense,devono essere letti attentamente: essi  avrebbero dimostrato che il gene MTNR1B, che produce una proteina recettoriale per la melatonina è in relazione all’aumentata possibilità di sviluppare il diabete tipo 2. A questo proposito Nature riporta numerosi studi che depongono in favore dell’azione “diabetogena” della melatonina, anche se viene ammesso che non se ne conosce il meccanismo d’azione! Frougel e coll. sospettano che le varianti del gene MTNR1B attivano nei TOPI alcuni centri cerebrali ed oculari connessi con il pancreas! Secondo il team di Groop, la melatonina riduce nelle beta-cellule pancreatiche in CULTURA la sintesi di insulina, suggerendo un futuro nella terapia del diabete, se si eviterà di bloccare i positivi effetti della melatonina sull’attività cerebrale! In fine, significativa è la frase di Joseph Bass, ricercatore nel diabete alla Northwestern University in Evanston, Illinois: "But one of the gaps has been in understanding the implications for these findings with regard to human disease and human biology." Infine, viene segnalato che individui che assumono melatonina non sembrano correre il rischio di svilupppare il diabete, forse perchè, dice Groop, occorre una terapia prolungata. Si potrebbe predire, aggiune l’autore, che coloro che assumono Melatonina sono a rischio diabetico: "Theoretically, you could predict that they may be at higher risk for diabetes," he says. "But that is just a prediction: that hasn't been shown".

Come si vede da queste poche frasi riportate si tratta di affermazioni piuttosto prive di scientificità anche se gli autori lavorano in celebri università. E’ triste e scoraggiante leggere su Riviste serie articoli di così scarso livello scientifico e, peggio ancora, fuorvianti.  Se non sono aggiornati i grandi Editori e i Docenti di famose  Università  come possiamo sperare in un migliore futuro della Medicina?

Inoltre, se Nature prima accetta le mie teorie sulla prevenzione diabetica e tumorale della melatonina, sostanza dalle molteplici azioni (1-14), e poi da voce a studi  che sollevano dubbi contro l’utilizzo della melatonina, veramente viviamo il Medio Evo della Medicina!

Nel mio commento critico, immediatamente inviato alla Rivista, come incipit, riferisco le numerose URLs di miei commenti accettati e messi in rete nel loro sito che dimostrano l’esatto contrario di quanto vorrebbero far credere gli studi riferiti. Solo un esempio:

http://blogs.nature.com/ Top cited papers Diet and Risk of Type 2 Diabetes
Paper Author: Sergio Stagnaro et al. Paper Posts: http://blogs.nature.com/posts?paper=669
A tribute to Dr. Sergio Stagnaro, - consider yourself warned…
Date: 05 Nov 2008 Blog: The Sciphu Weblog ;
http://sciphu.com/2008/11/meadle-ages-of-todays-medicine.html).

Il fatto più desolante è che questi autori ignorano l’esistenza delle costituzioni semeiotico-biofisiche-quantistiche diabetica “e” dislipidemica ed i relativi rischi congeniti, conditio sine qua non del diabete, come ampiamente riferito nei vari blogs di Nature ed in miei precedenti lavori (1-10).

Tra le critiche a questi articoli figura la loro esecuzione in animali, specialmente topi. Inoltre, nell’uomo il periodo di osservazione non è sufficiente. Ma l’obbiezione maggiore, a mio parere, è che nessuno degli Autori ed Editori è a conoscenza del fatto che senza le costituzioni diabetica “e” dislipidemica il diabete non insorge affatto.

Inoltre, tra le numerose azioni, la Melatonina normalizza l’ipertono simpatico, stimola i PPARs epatici, parieto-vasali e muscolari, migliora fino a normalizzare la microcircolazione delle isole pancreatiche, secondo la mia Teoria dell’Angiobiopatia (1-6).

Una semplice evidenza sperimentale a dimostrazione dell’efficacia della Melatonina nella Prevenzione Primaria del diabete, che confuta i risultati degli gli studi riferiti sopra: nel postabsorptive state, nel sano, il tempo di latenza del riflesso pancreas-gastrico aspecifico è 12 sec. esatti (= ossigenazione tessutale delle isole pancreatiche), ma sale a 24 sec. se l’esaminando ha precedentemente chiuso gli occhi (=  la stimolazione retinica riduce, non annulla, la secrezione melatonicia)! Ovviamente in caso di compromissione del metabolismo glucidico i miglioramenti dell’attività delle cellule beta-insulari, sebbene presente, è ridotto in rapporto con l’intensità della patologia sottostante.

Infine, un collaboratore di una ricerca, Groop, riferendosi a quanti assumono Melatonina, come chi scrive da cinque anni (sic!), afferma candidamente: "Theoretically, you could predict that they may be at higher risk for diabetes. But that is just a prediction: that hasn't been shown."

In Medicina, come io vado denunciando inascoltato da anni, “Mala Tempora currunt!”.

 

Bibliografia.

 

 1) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M. Valutazione percusso-ascoltatoria del Diabete Mellito. Aspetti teorici e pratici. Epat. 32, 131, 1986

2) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004.   http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm

3) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Le Costituzioni Semeiotico-Biofisiche.Strumento clinico fondamentale per la prevenzione primaria e la definizione della Single Patient Based Medicine. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/libro_costituzionisemeiotiche.htm

4) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M. Single Patient Based Medicine.La Medicina Basata sul Singolo Paziente: Nuove Indicazioni della Melatonina. Travel Factory, Roma, 2005. http://www.travelfactory.it/libro_singlepatientbased.htm

5) Stagnaro S. Pivotal role of Biophysical Semeiotic Constitutions in Primary Prevention. Cardiovascular Diabetology, 2:1, 2003 http://www.cardiab.com/content/2/1/13/comments#5753

6) Stagnaro S. Stagnaro Sergio. Newborn-pathological Endoarteriolar Blocking Devices in Diabetic and Dislipidaemic Constitution and Diabetes Primary Prevention. The Lancet. March 06 2007. http://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140673607603316/comments?totalcomments=1.

7) Stagnaro S., West PJ., Hu FB., Manson JE., Willett WC. Diet and Risk of Type 2 Diabetes. N Engl J Med. 2002 Jan 24;346(4):297-298. [Medline]

8) Stagnaro Sergio. New bedside way in Reducing mortality in diabetic men and women. Ann. Int. Med.2007. http://www.annals.org/cgi/eletters/0000605-200708070-00167v1

9) Stagnaro  Sergio. Single Patient Based Medicine: its paramount role in Future Medicine. Public Library of Science. http://medicine.plosjournals.org/perlserv/?request=read-response 2005

10) Stagnaro Sergio.  Bedside Biophysical-Semeiotic Osteocalcin Test in Diagnosing and Monitoring Diabetes. The Lancet, January 28, 2008. http://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140673608601014/comments?action=view&totalComments=2

11) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., La Melatonina nella Terapia del Terreno Oncologico e del “Reale Rischio” Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/

12) Stagnaro Sergio. Meccanismi d'Azione Sconosciuti e Nuove Indicazioni della Melatonina. Clavis, 1 ottobre 2008, http://www.melatonina.it/articoli/64-2008-09-30.html

13) Stagnaro Sergio Endothelial cell function can ameliorate under safer drugs, such as Melatonin-Adenosine. BMC Cardiovascular disorders, 2004. http://www.biomedcentral.com/1471-2261/4/4/comments

14) Stagnaro Sergio. Il “Reale Rischio” Semeiotico-Biofisico, 2006. http://piazzetta.sfera.net/. URL:http://xoomer.virgilio.it/piazzetta/professione/professione.htm

 

* Sergio Stagnaro MD

Via Erasmo Piaggio 23/8

16039 Riva Trigoso (Genoa) Europe

Founder of Quantum Biophysical Semeiotics

Who's Who in the World (and America)

since 1996 to 2009

Ph 0039-0185-42315

Cell. 3338631439

www.semeioticabiofisica.it
dottsergio@semeioticabiofisica.it

 



Share |