MELATONINA ED APPARATO CARDIOVASCOLARE



A. Cagnacci, M. Cannoletta, A. Renzi, M. Generali
Dipartimento Integrato di Scienze Ginecologiche Ostetriche e Pediatriche, Ginecologia e Ostetricia, Policlinico di Modena, via del Pozzo 71, 41100 Modena


Il sistema cardiovascolare, come tutte le funzioni biologiche, ¨¨ governato da un ritmo circadiano, regolato dall¡¯attivit¨¤ del pacemaker localizzato nel nucleo soprachiasmatico dell¡¯ipotalamo (SCN) (1, 2). Conseguenza pi¨´ evidente ¨¨ l¡¯andamento ciclico della pressione arteriosa nelle 24 ore con livelli che raggiungono il minimo durante la notte (03:00 a.m.) per ricominciare a salire verso le 05:00 a.m. e tornare alti intorno alle 09:00 a.m., con un¡¯ampiezza di circa 20-30 mmHg (3, 4). La diminuzione notturna dei livelli pressori di almeno 10 mmHg ci permette di differenziare i soggetti dippers, dai non dippers nei quali questo meccanismo regolatorio viene perso. La conseguenza ¨¨ che il sistema cardiovascolare non riposa correttamente durante le ore notturne e che aumenta l¡¯incidenza di malattia cardiovascolare (5). Anche i livelli di noradrenalina calano durante il sonno del 30% (6) ed il loro incremento mattutino ¨¨ tra le possibili cause del picco di incidenza degli incidenti cardiovascolari (7, 8)
Il decremento notturno della pressione ¨¨ inversamente legato al ritmo di secrezione della melatonina, l¡¯ormone che la ghiandola pineale rilascia quasi completamente durante la notte. La melatonina ¨¨ un ormone sincronizzatore con un ritmo di secrezione giornaliero, caratterizzato da un picco notturno, ed un ritmo annuale strettamente legato alle variazioni stagionali ed al fotoperiodo, che segue la regolazione dell¡¯orologio endogeno localizzato nel SCN (8, 9). La melatonina esercita diverse azioni tra le quali l¡¯induzione del sonno (8), il controllo della termoregolazione (10), un effetto antiossidante (11), e sembra avere un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare riducendo il rischio di aterosclerosi e di ipertensione (8). Con il procedere dell¡¯et¨¤ sia l¡¯attivit¨¤ del SCN (12) che i livelli circolanti di melatonina (13) diminuiscono. Nelle donne ¨¨ stato inoltre riportato un andamento inverso della secrezione di melatonina e di FSH durante gli anni della menopausa, con un rapido declino della secrezione notturna della melatonina gi¨¤ prima del climaterio (14). E¡¯ interessante notare come pazienti con patologia coronarica hanno livelli sierici notturni pi¨´ bassi di melatonina e livelli pi¨´ alti di noradrenalina urinaria (15). Diversi sono stati gli studi che hanno dimostrato la presenza di recettori della melatonina sulle arterie di animali ed uomini (16-19). Recentemente sono stati scoperti 2 tipi di recettore chiamati MT1 e MT2 espressi nel sistema cardiovascolare di soggetti sani e malati. Il recettore MT1 sembra mediare un' azione vasocostrittiva e quello MT2 un'azione vasodilatante della melatonina (19). Questo suggerisce che la melatonina possa controllare direttamente ed indirettamente il diametro vasale e il flusso sanguigno attraverso i suoi recettori. In effetti sono numerose le valutazioni flussimetriche, che dimostrano la diminuzione dell¡¯indice di resistenza arteriosa durante la sua somministrazione (20-23). Inoltre i risultati ematochimici dimostrano come la melatonina sia in grado di diminuire i livelli di catecolamine (20-22) e di incrementare i livelli sierici di ossido nitrico (22, 23). Ma la melatonina sembra essere anche in grado di influenzare il controllo della pressione arteriosa. Il primo studio che valuta questo effetto risale al 1981 quando Birau attraverso la somministrazione ripetuta di melatonina intranasale (2.5 mg) aveva dimostrato un'azione ipotensivante in uomini ipertesi (24). Pi¨´ recentemente sono stati condotti, sia in donne che uomini, studi pi¨´ appropriati sulla pressione arteriosa, perch¨¦ eseguiti in cross over, doppio cieco e controllati con placebo, dove la pressione arteriosa ¨¨ stata misurata in maniera continuata per 24 ore. Scheer (25) ha rivolto la sua attenzione agli uomini con ipertensione non complicata, non in terapia, ed ha valutato la loro risposta alla somministrazione serale di 2.5 mg di melatonina per via orale per tre settimane versus placebo. Il risultato di questo lavoro ¨¨ che l¡¯assunzione continuata di melatonina, ma non la singola somministrazione ha un effetto ipotensivo nel campione preso in esame, con una
diminuzione di 6 mmHg di mercurio per la pressione sistolica e 4 mmHg per la diastolica. Questo risultato ¨¨ ragguardevole perch¨¦ ¨¨ simile a quello ottenuto da molti dei farmaci antipertensivi e perch¨¦ una diminuzione della pressione di 3-4 mmHg ha una notevole rilevanza clinica (26). Il nostro studio (27) invece partiva dall¡¯arruolamento di 18 donne in postmenopausa, con un¡¯et¨¤ compresa tra 47 e 63 anni, che non assumevano terapia ormonale sostitutiva, met¨¤ delle quali in terapia antipertensiva con diuretici o ACE-inibitori, mentre l¡¯altra met¨¤ era rappresentata da donne normotese. Alle donne ¨¨ stata somministrata per 3 settimane, un¡¯ora prima di andare a letto, una compressa di melatonina in formulazione a rilascio ritardato (1 mg subito e gli altri 2 mg nell¡¯arco di 6 ore). I risultati ottenuti erano simili a quelli riferiti per gli uomini; cio¨¨ la melatonina riduceva la pressione notturna sia sistolica che diastolica, di circa 4 mmHg. Questo effetto era un po¡¯ meno accentuato nelle donne in terapia antipertensiva. La cosa interessante ¨¨ che la risposta alla melatonina esogena era legato alla differenza di pressione tra giorno e notte e che l¡¯effetto maggiore era quello ottenuto nelle donne che avevano un declino notturno della pressione arteriosa attenuato (non dippers). Infatti la percentuale di donne per le quali veniva registrato un decremento pressorio maggiore di 10 mmHg raddoppiava durante l¡¯assunzione di melatonina. Questo effetto pu¨° essere mediato da diversi fattori. Oltre agli effetti diretti sul sistema vascolare (16-23, 28, 29) la melatonina migliora la qualit¨¤ del sonno, ed in questa maniera, resettando il livello di riferimento dei barocettori arteriosi a valori pi¨´ bassi, pu¨° provocare un decremento della pressione arteriosa (30). Alternativamente la melatonina pu¨° amplificare il ritmo circadiano del nucleo soprachiasmatico che governa il ritmo della pressione arteriosa (31) la cui ampiezza ¨¨ ridotta in individui anziani (12), ma anche individui ipertesi (25).
In conclusione si pu¨° asserire che la somministrazione di melatonina alle dosi di 3 mg, prima di andare a letto, agendo a vari livelli della regolazione del sistema circolatorio possa avere un ruolo protettivo nei confronti di patologie cardiovascolari, riducendo uno dei maggiori fattori di rischio quale ¨¨ l'elevazione della pressione arteriosa.
BIBLIOGRAFIA
1. Lydic R, Schoene WC, Czeisler CA, Moore-Ede MC. Suprachiasmatic region of the human hypotalamus: homolog to the primate circadian pacemaker? Sleep 1980;2:355-61.
2. Moore RY. Organization and function of a central nervous circadian oscillator: the suprachiasmatic hypothalamic nucleus. Fed Proc 1983;42:2783-9.
3. Millar-Craig M, Bishop CN, Raftery EB. Circadian variation of blood pressure. Lancet 1978;795-7.
4. Delea C. Chronobiology of blood pressure. Nephron 1979;23:91-7.
5. Pickering T. The clinical significance of diurnal blood pressure variations. Circulation 1990;81:700-2.
6. Linsell CR, Lightman SL, Mullen PE, Brown MJ, Causon RC. Circadian rhythm of epinephrine and norepinephrine in man. J Clin Endocrinol Metab 1985;60:1210-5.
7. Panza JA, Epstein SE, Quyyumi AA. Cardiovascular variation in vascular tone and its relation to ¦Á-sympathetic vasocostrictor activity. N Eng J Med 1991;325:986-90.
8. Cagnacci A. Melatonin in relation to physiology in adult humans. J. Pineal Res 1996;21:200¨C13.
9. Cagnacci A, Volpe A. Influence of melatonin and photoperiod on animal and human reproduction. J Endocrinol Invest 1996;19:382-411.
10. Cagnacci A, Elliott JA, Yen SSC. Melatonin: a major regulator of the circadian rhythm of core temperature in humans. J Clin Endocrinol Metab 1992;75:447-452.
11. Reiter RJ, Tan DX, Gitto E, Sainz RM, Mayo JC, Leon J, Manchester LC, Vijayalaxmi, Kilic E, Kilic U. Pharmacological utility of melatonin in reducing oxidative cellular and molecular damage. Pol J Pharmacol 2004;56:159-70.
12. Hofman MA. The human circadian clock and aging. Chronobiol Int 2000;17:245-59.
13. Vakkuri O, Kivela A, Leppaluoto J, Valtonen M, Kauppila A. Decrease in melatonin precedes follicle-stimulating hormone increase during perimenopause. Eur J Endocrinol 1996;135:188-92.
14. Waldhauser F, Weiszenbacher G,Tatzer E, Gisinger B, Waldhauser M, Schemper M, Frisch H. Alteration in nocturnal serum melatonin levels in humans with growth and aging. J Clin Endocrinol Metab 1988;66:648-52.
15. Brugger P, Marktl W, Herold M. Impaired nocturnal secretion of melatonin in coronary heart disease. Lancet 1995;345:1408
16. Viswanathan M, Laitinen JT, Saavedra JM. Expression of melatonin receptors in arteries involved in termoregulation. Proc Natl Acad Sci USA 1990;87:6200-3.
17. Doolen S, Krause DN, Dubocovich ML, Duckles SP. Melatonin mediates two distinct responses in vascular smooth muscle. Eur J Pharmacol 1998;345:67-9.
18. Stankov B, Capsoni S, Lucini V, Fauteck J, Gatti S, Gridelli B, Biella G, Cozzi B, Fraschini F. Autoradiographic localization of putative melatonin receptors in the brains of two Old World primates: Cercopithecus aethiops and Papio ursinus. Neuroscience 1993;52:459-68.
19. Ekmekcioglu C, Thalhammer T, Mehrabi M, Glogar H, Holzenbein T, Markovic O, Leibetseder VJ, Strauss-Blasche G, Marktl W. The melatonin receptor subtype MT2 is present in the human cardiovascular system. J Pineal Res 2003;35:40-4.
20. Cagnacci A, Arangino S, Angiolucci M, Maschio E, Longu G, Melis GB. Potentially beneficial cariovascular effects of melatonin administration in women. J Pineal Res 1997;22:16-9.
21. Cagnacci A, Arangino S, Angiolucci M, Maschio E, Melis GB. Influence of melatonin administration on the circulation of women. Am J Phisiol 1998;274:R335-8.
22. Arangino S, Cagnacci A, Angiolucci M, Vacca AM, Longu G, Volpe A, Melis G. Effect of melatonin on vascular reactivity, catecholamine levels,and blood pressure in healthy men. Am J Cardiol 1999;83:1417-9.
23. Cagnacci A, Arangino S, Angiolucci M, Melis GB, Facchinetti F, Malmusi S, Volpe A. Effect of exogenous melatonin on vascular reactivity and nitric oxide in post menopausal women: role of hormone replacement therapy. Clin Endocrinol 2001;54:261-6.
24. Birau N, Peterssen U, Meyer C, Gottschalk J. Hypotensive effect of melatonin in essential hypertension. IRSC Med Sci 1981;9:906
25. Scheer FA, Van Montfrans GA, Van Someren EJ, Mairuhu G, Buijs RM. Daily nighttime melatonin reduces blood pressure in male patients with essential hypertension. Hypertension 2004;43:192-7.
26. Staessen JA, Wang JG, Thijs L. Cardiovascular protection and blood reduction: a meta-analysis. Lancet 2001;358:1305-15.
27. Cagnacci A, Cannoletta M, Renzi A, Baldassari F, Arangino S, Volpe A. Prolonged melatonin administration decreases nocturnal blood pressure in women. Am J Hypertens in press.
28. Kawashima K, Miwa Y, Fujimoto K, Oohata H, Nishino H, Koike H. Antihypertensive action of melatonin in the spontaneously hypertensive rat. Clin Exper Hypertens 1987;A9:1121-31.
29. Kitajima T, Kanbayashi T, Saitoh Y, Ogawa Y, Sugiyama T, Kaneko Y, Sasaki Y, Aizaka R, Shimisu T. The effects of oral melatonin on the automatic function in healthy subjects. Psychiatry Clin Neurosci 2001;55:299-300.
30. Ogawa Y, Kanbayashi T, Saito Y, Takahashi Y, Kitajima T, Takahashi K, Hishikawa Y, Shimuzu T. Total sleep deprivation elevates blood pressure through arterial baroreflex resetting: a study microneurographic technique. Sleep 2003;15:986-9.
31. Bothorel B, Barassin S, Saboureau M, Perreau S, Vivien-Roels B, Malan A, Pevet P. In the rat, exogenous melatonin increases the amplitude of pineal melatonin secretion by a direct action on the circadian clock. Eur J Neurosci. 2002;16:1090-8.



Fonte Sigo



Share |


Melatonina.it l'unico portale interamente dedicato alla melatonina in italia
Versione multilingue del sito Key Melatonin

Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici


Clavis Chitosano Vegetale
Integratore alimentare a base di CHITOSANO VEGETALE ( KiOnutrime-Cs ).
Chitosano Vegetale

Clavis Harmoniae
Integratore a base di Garum Sociorum Exquisitus e Magnesio Marino.
Clavis Harmoniae

Key Alghe
Linea di integratori alimentari a base di alghe
Key Alghe